news   poesia    prosa    testi    immagini    audio    naviganti    guestbook    links     cerca

       


Keepsake


"Lied" corrisponde all'italiano "romanza", "canzone", oppure al francese "chanson". Si tratta di un genere nato in Germania, come canti di chiesa in volgare, in epoca medievale, e il cui stile stato adottato nel corso dei secoli da grandi autori liederistici, fino all'Ottocento romantico, come Schubert, Schumann, Mendelsshon, e altri. Sostanzialmente, nell'accezione Ottocentesca del genere, si tratta di romanze il cui testo solitamente tratto da opere poetiche originali, accompagnate al pianoforte.
(definizione di C.Fogliato)


Fanfan ritorna vincitore;Molly
si vende all'asta: frigge un riflettore.
Surcouf percorre a grandi passi il cassero,
Gaspard conta denari nel suo buco.
Nel pomeriggio limpido è discesa
la neve, la Cicala torna al nido.
Fatinitza agonizza in una piega
di memoria, di Tonio resta un grido.
Falsi spagnoli giocano al castello
i Briganti; ma squilla in una tasca
la sveglia spaventosa.
Il Marchese del Grillo è rispedito
nella strada; infelice Zeffirino
torna commesso; s'alza lo Speziale
e i fulminanti sparano sull'impiantito.
I Moschettieri lasciano il convento,
Van Schlisch corre in arcioni, Takimini
si sventola, la Bambola è caricata.
(Imary torna nel suo appartamento).
Larivaudière magnetico, Pitou
giacciono di traverso. Venerdì
sogna l'isole verdi e non danza più.

(Eugenio Montale, Le occasioni;
Per il lied: musica di Goffredo Petrassi)